martedì, novembre 07, 2006

Fabbricate da soli la vostra bomba TATP


Il problema maggiore della nuova normativa UE sul trasporto di liquidi nei voli aerei non e' tanto il danno economico che pure Coldiretti stima a carico dei produtori di vino, e olio, nazionali. No, il danno maggiore e' la cattiva informazione che continua a girare su questo grottesco castello di carta nato dai cosiddetti attentati di agosto. E mentre gli organi di stampa si accodano a dire che si tratta di garantire la sicurezza dei voli aerei, nessuno che si interroghi su quanto sia possibile, o fondato, costruire una bomba con sostanze liquide.

Puo' aiutare, allora, questa lettura. Copio ed incollo quasi tutto, merita d'essere riportato.


Per cominciare, dovete procurarvi una quantità sufficiente di perossido di idrogeno a concentrazione adatta. Non è un prodotto facile da procurarsi allo stato puro. Certo, potete comprarlo nei supermercati sottoforma di decolorante per capelli. Ma queste ultime soluzioni contengono il 97% d'acqua. Dovrete dunque fare bollire il liquido per estrarne l'acqua e rendere il perossido più concentrato. Rischierete però al tempo stesso di mandare a fuoco il vostro laboratorio improvvisato e di perdere tutto prima che un solo "complice di Satana" sia morto.

Ma bene, mettiamo che abbiate trovato un modo per procurarvi del perossido di idrogeno al livello di concentrazione adeguata o che lo abbiate potuto ottenere facendo bollire il decolorante senza che la vostra cucina sia esplosa. Molto bene. Ora vi resta da procurarvi dell'acetone e dell'acido solforico. Questi ingredienti sono nettamente più facili da trovare in commercio.

Passiamo adesso alle cose serie. Prendete il vostro perossido di idrogeno concentrato, il vostro acetone e il vostro acido solforico, dosate accuratamente ciascun liquido e versate nelle bottiglie di soda in modo da passare discretamente dalla dogana e da introdurle a bordo dell'aereo. Potete risparmiare spazio miscelando nella stessa bottiglia il perossido di idrogeno e l'acetone - ma in questo caso è necessario conservare il liquido al fresco. Dovrete quindi trasportare, nel vostro bagaglio a mano, (a parte la vostra copia del Corano con dedica di Osama Bin Laden in persona), diversi pacchetti di ghiaccio (da trasportare in una ghiacciera o in un imballaggio isotermico in polistirolo), e anche un termometro, una grossa provetta a becco, una bacchetta in vetro per mescolare, e una pipetta in vetro, capiente. Ne avrete bisogno.

Vi consiglio vivamente di prendere un biglietto e ordinare champagne sin dal vostro arrivo a bordo. Se viaggiate con una compagnia aerea corretta, dovrebbe anche servirvi la bottiglia dentro un secchiello con ghiaccio. Il secchio e il ghiaccio vi saranno utili - oltre ai pacchi di ghiaccio e all'imballaggio isotermico - per mantenere la vostra miscela a una temperatura bassa quanto basta affinchè la miscela non prenda fuoco nei bagni dell'aereo prima di essere arrivata al livello di concentrazione sufficiente per diventare esplosiva.

Una volta che l'aereo è decollato ed è in rotta verso gli Stati Uniti, non perdete tempo, ci vogliono parecchie ore per fabbricare l'esplosivo. Trasportate discretamente tutto l'occorrente nel bagno. Dovrete probabilmente fare diversi viaggi per non attirare l'attenzione del personale di bordo. Una volta che avete portato tutto in bagno, chiudetevi dentro, posizionate la provetta graduata nel posto di raffreddamento (il secchiello con ghiaccio dello champagne) e versatevi lentamente la miscela acetone- perossido di idrogeno contenuto nella prima bottiglia. Piazzate il termometro nella provetta e, con l'aiuto della pipetta, cominciate ad aggiungere, goccia a goccia, l'acido solforico contenuto nella seconda bottiglia. Indossate quindi una maschera respiratoria e degli occhiali da piscina poichè i vapori rilasciati sono corrosivi e avrete ancora bisogno dell'altra mano per mescolare continuamente il composto. Non lasciate bruciare i vostri occhi anche perchè dovrete consultare di tanto in tanto il termometro. Man mano che aggiungerete l'acido, la miscela si riscalderà e se diverrà troppo calda vi ritroverete con un esplosivo di scarsa potenza. Nella peggiore delle ipotesi, se diventerà veramente troppo calda, rischierà di prendere fuoco o di esplodere prematuramente e di uccidervi, facendo solo un pò di disordine nei bagni dell'aereo, tutto qui. Non è il fine dell'operazione e rischiate anche di privarvi delle vostre 70 vergini quando arriverete nel paradiso dei martiri.

Dopo qualche ora di mescolamento e di aggiunta graduale di acido goccia a goccia, otterrete una quantità di TATP sufficiente a portare a termine vittoriosamente il vostro progetto - sempre che i vapori acidi in un piccolo spazio[come il bagno dell'aereo] non vi abbiano soffocati, che non abbiano attirato l'attenzione degli altri passeggeri o del personale di bordo e che qualche passeggero non sia venuto a tamburellare contro la porta del vostro WC...Se niente di tutto questo si sarà verificato, è un vero miracolo (sempre che voi siate veramente dei combattenti di Dio) e non vi resta che lasciare indurire la vostra miscela per circa due ore e mezzo. Dopo, non resta che innescarlo, cosa relativamente facile a farsi con l'aiuto di un apparecchietto elettrico qualunque.

Edit del 27 marzo 2016. Questo post, a distanza di dieci anni, attira commenti di chi ha difficoltà a concentrarsi oltre la terza riga per comprendere un testo. Quindi i commenti si chiudono, saluti e baci.

11 commenti:

  1. non è così difficile farsi una qualcosa che esploda, un mio amico chimico l'ha costruita per capodanno, le sostanze sono facili da trovare e visto che devi fare il kamikaze alcuni passaggi in cui devi prestare attenzione alla sicurezza li salti tranquillamente

    RispondiElimina
  2. Gia'; il fatto e' che saltando passaggi e facendo in fretta rischi che la cosa sia, semplicemente, inefficace.

    RispondiElimina
  3. MAH.. RIDI, RIDI, fai tanto il sarcastico..
    Io il TATP lo sintetizzo nel giardino di casa e lo faccio detonbare con un filamento di tungsteno di una lampadina ed una semplice pila da 9v e ti assicuro che funziona.

    Appena ho un po di tempo metto online quanche video e posto il link così ti faccio vedere cosa combinano 100 grammi di TATP.

    RispondiElimina
  4. Mah, quella procedura che hai copiato e incollato è scritta da un autentico incompetente:la reazione che porta alla formazione del TATP non sviluppa gas tossici, non è fortemente esotermica, il ghiaccio non è obbligatorio, il TATP si forma comunque, il ghiaccio serve solo a rendere meno probabile la formazione del dimero, un composto altamente instabile e pericoloso(ma che gliene frega, a loro, se tanto devono morire?).
    Inoltre, non è poi tanto difficile reperire gli ingredienti (ecco, ho provato a fare una ricerca su internet e ho trovato dove acquistare tutto l' occorrente). Senza contare che non è necessario sorvegliarlo, basta mettere i due componenti a reagire, andarsene e tornare 2 orette dopo. L' acido, inoltre, che puo essere sostituito dal cloridrico a una certa concentrazione, ha il solo scopo di velocizzare la reazione.
    Resto comunque d' accordo sul fatto che è molto difficile farlo su un aereo senza che qualcuno se ne accorga, ma ricordiamoci anche che il TATP non è l' unica sostanza che si possa fabbricare da composti nascosti in una bevanda......

    RispondiElimina
  5. è pericolosissima. Un mio amico l'ha creata e stava x perdere un'occhio. x fortuna perkè poteva andare peggio. io non vi constringo a non farla, perkè so com'è, appena ti attrae una cosa, la vuoi fare subito. però qui non c'è scritto che cosa succede se va storto qualcosa.

    RispondiElimina
  6. Ma perchè non andate tutti a nascondervi e vi suicidate col Tatp brutti incoscenti!!

    RispondiElimina
  7. Ehm.... il perossido di acetone è facilissimo da sintetizzare anche in aereo...
    in poche parole, basta mischiare acqua ossigenata a 130 vol + acetone puro + acido cloridrico prima di salire in aereo in una bottiglia in vetro (la plastica si scioglierebbe a causa dell'acetone), arrivati sull'aereo dopo poche ore hai il tuto tatp senza problemi.... O.o

    RispondiElimina
  8. Fiorenzo sei ridicolo con questo articolo...un attentatore potrebbe facilmente creare un esplosivi liquidi in aereo come l'astrolite (nitrato di ammonio + idrazia) o altra roba come (nitrato di ammonio + benzina) ecc... altro che perossido di acetone. Invece di scrivere chiacchiere informati prima! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma pure tu che commenti sta roba vecchia di dieci anni (scritta da altri, ci sarebbe il link) sei simpy eh :D

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina