martedì, maggio 16, 2017

La Casetta a Salino. Per la serie i vini sentimentali del lunedì


Salino, entroterra di Sestri Levante, sulla strada per Varese Ligure. È un borgo di tre case che si trova facilmente solo sulle mappe militari, e vederlo dal vivo fa un effetto del tipo "qui finisce la civiltà". La Casetta è un'azienda (e azienda suona già esagerato) che produce da un ettaro di vigna meno di tremila bottiglie tra rosso e bianco, e sta esattamente in questo posto sospeso sotto le nuvole. Per me è una vecchia conoscenza, ormai.

I fatti sentimentali si mettono di traverso, quando assaggi. Quelle strade, quella parte di Appennino, sono i luoghi della mia infanzia, quindi va a finire che il giudizio non è sereno. In questi casi moltiplico lo stress test a cercare difetti e imperfezioni: e niente, in questi vini non ne trovo, e a un certo punto accetto il fatto.


Il Bianco Liguria di Levante Igt 2016 è morbido, con frutta già matura, insospettabilmente pronto: magari non sarà longevo, ma ora è perfetto, col giusto equilibrio sale/frutta. Essenzialmente uva albarola, con un 10% di sauvignon che accenna solo vagamente il tono aromatico.


Spezie e ciliegie nel Rosso Liguria di Levante Igt 2015, scattante e finto-facile. Tra l'altro ha un aspetto che io amo ritrovare, ha capacità di evolvere nel bicchiere: parte riottoso ma dopo pochi minuti diventa confidenziale e infine si apre, concedendosi. Carattere ligure, potrei dire. Curioso mix di uve "c'è quel che c'è", dal syrah al dolcetto al pinot nero al cabernet (a un certo punto ho smesso di scrivere, tanto ce n'erano troppe da segnare). Un anno di barrique molto usata, che quindi non segna con note legnose. Nella foto in alto, la barricaia (si fa per dire).


Ci sarebbe, poi, il mito della produzione ridottissima, semi introvabile. La foto sotto dice qualcosa del marketing aziendale.


Alle solite quello, da solo, non è un valore, ma è comunque un aspetto che aggiunge fascino, perché alla fine conta quel che c'è nel bicchiere, cercando di mettere da parte i sentimenti (ma che fatica). In mezzo a quei punti vendita oggi ci si aggiunge il mio: prezzi in enoteca sugli undici euri, al netto dello sconto simpatia.

Nessun commento:

Posta un commento