martedì, settembre 12, 2017

Nebbiolo a Barolo, due paroline che suonano così piacevoli


A volte girare per cantine e vigneti a caccia di cose da comprare non è un fatto di scoperte ed esplorazioni. È piuttosto un fatto di lavori arretrati, è una cosa sul genere "c'è quel vino assaggiato in quella certa occasione, devo assolutamente andare in cantina dal taldeitali". Ad un certo punto gli arretrati diventano quasi una faccenda che ti fa sentire in colpa.

Per esempio: come mai ci ho messo tutto 'sto tempo per andare a trovare Scarzello? Gli assaggi dei suoi vini (Barolo del comune di Barolo, nebbioli soffusi e pieni di stile) risalivano allo scorso Vinitaly. Finalmente ieri una trasferta da quelle parti mi ha consentito di riassaggiare, e finalmente comprare, almeno un paio di cose.

L'azienda sta nel centro del paesino di Barolo, e ha circa cinque ettari in aree stracult (Sarmassa, per dirne una, vero e proprio cru storico). Il suo Barolo 2011 essendo in vigneti dello stesso comune ha appunto la denominazione comunale, Barolo di Barolo - che suona un po' come una reiterazione del concetto, "te lo ripeto, io sono proprio quello". Ecco i miei assaggi del cuore.

Langhe Nebbiolo 2015. Qui c'è quello che potrei dire lo stile aziendale: un vino che tiene a bada la durezza dei tannini del nebbio con una delicata eleganza, e poi la morbidezza dell'alcol fa il resto. Si apre con note di spezie e poi segue quella vena quasi di carne, o brodo di carne, che ricorda la nobiltà dell'uva di provenienza, e del territorio che ormai solo col nome evoca importanza. Alla fine, sarà la suggestione da terroir, senti anche un po' di nocciola. Amore a prima vista. 89/100, sui 18 euro.

Barolo del Comune di Barolo 2011. Dominare la potenza di questo vino in chiave di bevibilità e attraenza sembra una quadratura del cerchio impossibile, eppure Scarzello ci riesce. È per questo che un assaggio del genere si fissa nella memoria, non solo per le note olfattive un po' dark, tra la carne e la terra. Qui c'è soprattutto una bevibilità vivida, dove l'importanza non si trasforma mai in respingenza, è segnata in modo amabile dalla tostatura (cacao) e di nuovo viene da pensare ad un qualche tipo di stile aziendale. Assaggio notevolissimo, 91/100, sotto i 40 euro in enoteca.

mercoledì, settembre 06, 2017

Talmente possibile che ecco qua il programma


Dunque appunto, si diceva. Il nostro corso intravinico sul vino a Genova adesso ha il suo programma ufficiale:

Le date: si inizia il 9 ottobre prossimo, lunedì sera ore 21, e poi via via per i successivi lunedì fino alla serata conclusiva del 13 novembre, quindi 9 – 16 – 23 – 30 ottobre e 6-13 novembre. Ogni incontro dura circa un paio di ore ma è facile che si sfori – sai com’è, il tempo passa veloce quando ci si diverte. Ore 21, puntuali, non so se l’abbiamo già detto. 
Dove: a Genova presso il bar Soul Note Caffè, in Via Cesarea 95. È centrale, posteggi se ne trovano, insomma splendida cornice. 
Cosa succede in sostanza: si impara ad assaggiare, o si ripassa il concetto per chi già è capace, fornendo gli strumenti critici di analisi che sono tipici dell’assaggiatore. Il tutto (promettiamo) senza addormentare nessuno con digressioni enotecniche e di fisiologia dei sensi. Il materiale utilizzato è quello già online, selezionato in diversi post pubblicati su Intra. 
Cosa si beve: ecco, a questo ci teniamo un bel po’. Cose serie, importanti, niente vinelli didattici ma robe gloriose. Venite cenati, ma qualche grissino sì, dai, lo troviamo da mettere in tavola. 
Prezzo: le sei serate vi costeranno la bella cifra di 250 euro a persona. Non è poco, non è troppo, ma si berranno vini memorabili e vi resta il prezioso set da sei bicchieri da assaggio – del tipo grande, niente bicchierini piccoli sul genere Iso.

giovedì, agosto 31, 2017

Un altro corso (sul vino) è possibile

Dopo un bel po' dall'ultima volta, mi rimetto al lavoro ripensando un corso di assaggio. Stavolta, una cosa Intravino-style, e difatti non sarò da solo ma con la copertura culturale di Pietro. Qui un po' di anticipazioni. Per aumentarvi l'appetito (o la sete) potrei dire solo che ogni sera l'idea è quella di aprire, sempre e soltanto, vini grandiosi. Alle solite i corsi come piacciono a me sono senza vini didattici.

I vini didattici sono quelli difettosi. Si chiamano didattici perché ve li fanno bere volentieri ai corsi. Qui evitiamo, dai.

Poi ovviamente ci sarà molto di più di quello, ma insomma state con noi e non cambiate canale.

martedì, maggio 16, 2017

La Casetta a Salino. Per la serie i vini sentimentali del lunedì


Salino, entroterra di Sestri Levante, sulla strada per Varese Ligure. È un borgo di tre case che si trova facilmente solo sulle mappe militari, e vederlo dal vivo fa un effetto del tipo "qui finisce la civiltà". La Casetta è un'azienda (e azienda suona già esagerato) che produce da un ettaro di vigna meno di tremila bottiglie tra rosso e bianco, e sta esattamente in questo posto sospeso sotto le nuvole. Per me è una vecchia conoscenza, ormai.

I fatti sentimentali si mettono di traverso, quando assaggi. Quelle strade, quella parte di Appennino, sono i luoghi della mia infanzia, quindi va a finire che il giudizio non è sereno. In questi casi moltiplico lo stress test a cercare difetti e imperfezioni: e niente, in questi vini non ne trovo, e a un certo punto accetto il fatto.


Il Bianco Liguria di Levante Igt 2016 è morbido, con frutta già matura, insospettabilmente pronto: magari non sarà longevo, ma ora è perfetto, col giusto equilibrio sale/frutta. Essenzialmente uva albarola, con un 10% di sauvignon che accenna solo vagamente il tono aromatico.


Spezie e ciliegie nel Rosso Liguria di Levante Igt 2015, scattante e finto-facile. Tra l'altro ha un aspetto che io amo ritrovare, ha capacità di evolvere nel bicchiere: parte riottoso ma dopo pochi minuti diventa confidenziale e infine si apre, concedendosi. Carattere ligure, potrei dire. Curioso mix di uve "c'è quel che c'è", dal syrah al dolcetto al pinot nero al cabernet (a un certo punto ho smesso di scrivere, tanto ce n'erano troppe da segnare). Un anno di barrique molto usata, che quindi non segna con note legnose. Nella foto in alto, la barricaia (si fa per dire).


Ci sarebbe, poi, il mito della produzione ridottissima, semi introvabile. La foto sotto dice qualcosa del marketing aziendale.


Alle solite quello, da solo, non è un valore, ma è comunque un aspetto che aggiunge fascino, perché alla fine conta quel che c'è nel bicchiere, cercando di mettere da parte i sentimenti (ma che fatica). In mezzo a quei punti vendita oggi ci si aggiunge il mio: prezzi in enoteca sugli undici euri, al netto dello sconto simpatia.

venerdì, aprile 21, 2017

Vinitaly edizione 2017. Mi si nota di più se


Fammi dire due cose pure a me su Vinitaly edizione 2017, altrimenti pare che non sono abbastanza mediattivista. Per prima cosa ovviamente gli assaggi, che sono stati (facile da indovinare) una cifra iperbolica. Nel consueto mood "ricicliamo il lavoro già fatto altrove" quindi segnalo:
«Barolo 2011 di Giorgio Scarzello. Perché va bene la profondità, le spezie, la complessità e insomma la barolitudine austera, tutte componenti che qui ci sono con abbondanza. Però poi c’è quel bum di bontà in bocca, un po’ indicibile in quanto spiazzante, cioè quasi intimorisce la perfezione bilanciata di questo nebbiolo, che si infila dritto e inamovibile tra i vini che non si dimenticano. Intorno ai 35 euro in enoteca, secondo me l’affare del millennio. Poi di seguito, c’è il Pinot Bianco Flowers 2015 di Von Blumen, un altoatesino che passa 8/10 mesi in botte grande e se ne esce bel bello ad esibire sontuosità e lunghezza, importante ma non lo fa pesare, con un finale da pasticceria che lo rende simpy. Per coerenza è importante pure il prezzo, sui 20».

In quel minireport, è inevitabile, resta fuori moltissimo, e al ritorno uno consulta gli appunti allungando un'ideale lista della spesa. Per esempio ci sarebbe il Raboso di Casa Belfi, assaggiato a Villa Favorita. Belfi poi fa un prosecco sur lie altrettanto glorioso ma quel rosso brillante con bollicina era micidiale per delizia di beva. Il classico vino che induce ammirazione nei confronti del vignaiolo. Per esempio (2) ci sarebbe un solito noto di Liguria, Terre Bianche, che non contento di fare Rossese di Dolceacqua grandiosi ha infilato due bianchi 2016, Vermentino e Pigato (Riviera di Ponente) solo spettacolari: pure un po' pirazinici/minerali, e sappiamo che minerale non si dice ma ecco, l'ho ridetto. Pazienza dai.

(Cosa vuol dire pirazinico/minerale, spiegato: immagina una cosa che ricorda vagamente l'odore dell'acqua di mare quando l'onda evapora veloce sui sassi roventi della spiaggia. Forse ci sono riuscito, o perlomeno ti sarà venuta voglia di vacanze).

Vinitaly inoltre consente quegli assaggi che hanno già fatto tutti i tuoi amici da anni, e un po' per caso e un po' per sfortuna tu hai sempre saltato. Per questo dire che Damiano Ciolli in Lazio fa cose sensazionali (Silene 2015, Cirsium 2013) non mi procurerà gloria, ma ci tenevo lo stesso a partecipare: rossi raffinati, speziati, morbidi. Considerando che a tutti e due ho dato punteggi prossimi ai 90/100, ora la domanda è solo una: perché diavolo ho aspettato tanto.

Ci sarebbe da dire, poi, qualcosa sulla annosa vicenda dell'organizzazione carente della fiera. Il fatto è che quest'anno, pare, non c'è quasi niente da dire. Personalmente non ho notato grossi problemi, anzi tutto filava liscio, lo stesso mi ha fatto notare più di un amico, e quindi insomma qui abbiamo un problema: abbiamo poco da lagnarci. Una funzione della blogghitudine viene meno.

Oppure, potremmo fare i ganassa e immaginare, anche, che le vecchie lagnazioni siano servite a dare un contributo. Ma no, pare troppo autoreferenziale.

Per me vale l'eterna idea che ho di questa fiera. Quindi ritorna il mood "ricicliamo il lavoro già fatto altrove":
«mi piace l'aria da grande mercato di paese che si respira. Questo probabilmente perché molta parte di chi espone appartiene, comunque, ad un certo mondo contadino che si sta estinguendo (evolvendo, diciamo) e che mi ricorda l'infanzia; alla Fiera ritorno un po' alle radici, e le suggestioni dettate dai ricordi di mio padre che trattava con i contadini (fornitori, si deve dire oggi) ha un peso non piccolo: stringere quelle mani e guardarsi negli occhi parlando di vendemmie e lavori in cantina fa scordare ogni ressa o coda».
Sarà che ormai ho superato le venti edizioni visitate (non ho tenuto il conto preciso, accidenti).

venerdì, marzo 31, 2017

Appunti per il prossimo Vinitaly


La fiera veronese si avvicina, e possiamo cominciare a fare la lista della spesa. Per esempio un ripasso di questo nebbiolo alternativo:
La storia è più o meno sempre la stessa: assaggi molte cose, una sola ti resta in mente. Puoi usare i descrittori più fantasiosi e anche dare punteggi, ma c'è questa cosa dell'elemento affettivo, quella che ti fa ripensare a un assaggio anche giorni dopo, che vale ogni primato. Così adesso salto la fase degli assaggi totali durante Barolo Barbaresco & Friends (organizzato a Genova da GoWine) e mi dedico alla faccenda veloce: the winner is.
Il resto del post continua da questa parte.

venerdì, marzo 10, 2017

Vecchio Samperi, il destino di un vino bizzarro (si parla di Marsala)


Qualche settimana fa ho assaggiato il Vecchio Samperi di De Bartoli, grazie al giovane De Bartoli che mi ha fatto visita a bottega. Questa per inciso è una parte del mio lavoro che amo particolarmente, quando un produttore dura la fatica di scarpinare fino da me e mi fa assaggiare le sue cose. In più c'era il prestigio storico dell'azienda e tanti ricordi personali legati a quel nome, insomma ero molto contento. E quel Vecchio Samperi era un'altra ragione di contentezza.

Il fatto è che quel vino era, è, pazzescamente buono. Si potrebbe definire un Marsala, ma vecchio stile, pre-english come dice De Bartoli, senza aggiunta d'alcol cioè prodotto nello stile ossidativo precedente alla colonizzazione commerciale fatta dagli inglesi, per quell'area. È un non-Marsala perché trascende il profilo noto di quel vino, riuscendo a superarlo, e diventando altro. E tecnicamente non è un Marsala quanto a denominazione, si chiama vino, e basta.

Già, il Marsala, si diceva. Un vino bizzarro, che ha un destino incredibile (lo dico sommessamente, facciamo finta che nessuno di Marsala stia leggendo) se pensiamo che nella sua denominazione contiene il descrittore di un difetto. Perché sì, non l'hai mai sentito dire, marsalato, di un vino che non è più buono? "È marsalato, puoi buttarlo". Cose così.

Ma allora, chi vorrà mai bere Marsala?

Comunque, avendo questo mezzodito di Vecchio Samperi, mi sono tenuto lì il bicchiere in enoteca per un paio di giorni. Ogni tanto ci mettevo il naso dentro, ne bevevo un goccio per farlo durare. Più ci stavo assieme più mi piaceva. Poi lo facevo annusare ai clienti di passaggio - "ma che cos'è??" - e ogni volta spiegavo.

Quando è finito ho continuato a parlarne con un certo trasporto mistico a tutti quelli che incontravo. Qualcuno ha cominciato a chiedere: sì va be' ma lo vendi? Dov'è? Quanto costa? Vedere?

Il fatto è che non lo avevo comprato. Nemmeno io so perché, parlavo in continuazione di un vino che non avevo in vendita. Perché anche io, da qualche parte, avevo in testa la vocina che chiedeva "chi vorrà mai bere Marsala?" - solo che io continuavo a pensare a quel vino con struggimento. Insomma ora l'ho comprato.

Non costa poco (49 euro la bottiglia da 75) e per quello lo terrò aperto, per farlo assaggiare. E probabilmente lo faccio anche per me, visto che ho una certa nostalgia di riaverlo nel bicchiere.