giovedì, gennaio 27, 2011

Avere vent'anni


Non tengo gran che conto di compleanni e ricorrenze. Non sono ancora arrivato al punto di mentire sull'età, ma sento che potrei farlo - del resto qui se non hai i miliardi, da vecchio mica ce la fai a sedurre le giovinette. Comunque, da queste parti non ci siamo mai concessi celebrazioni e ricorrenze. Anche perché siamo distratti.
Oggi riordinando un po' di carte ho trovato un attestato di iscrizione alla Camera di Commercio: così mi sono accorto che, essendo iscritto dal 17 gennaio 1991, dieci giorni fa la mia eroica bottega ha compiuto vent'anni. In realtà la mia frequentazione con l'ambito dell'accoglienza (cioè il lavoro dell'esercente) è parecchio più arcaica, ma de iure tutto ebbe inizio quel freddo giorno di gennaio.
Ergo, stasera apro qualcosa di tosto, con dieci giorni di ritardo.

3 commenti:

  1. Mi unisco al brindisi.
    Cosa hai stappato?

    Fil.

    RispondiElimina
  2. champagne grand cru (moncuit). le solite bolle, come dicono gli incolti :)

    RispondiElimina