domenica, giugno 15, 2008

Un giorno ti svegli, e sei linuxiano


[Tutto e' cominciato qualche mese fa, col nuovo portatile Asus per casa; bello, potente, perfetto. Ma con Windows Vista]

Arriva un momento nel quale ti accorgi di corrispondere un prezzo elevato a fronte di una prestazione scadente; parlando di computer, questo avviene con i prodotti di Microsoft, ormai; non voglio infilarmi nella piu' trita guerra di religione che strazia il mondo informatico, ma semplicemente raccontare la storiella. Pacatamente, serenamente, come direbbe lui.
Accendi la macchina nuova e l'ingombrante sistema operativo ti prende per mano - anzi, ti strattona la giacca, e ti spiega cosa e' meglio per te. Senza possibilita' di opzionare, che so, una casella con la spunta "sentite, so cosa sto facendo, smettetela di avvisarmi". Windows Vista e' un continuo pop up di allerta, fermo li', non cliccare qui, azzo fai. E basta! Due giorni di strazio, poi la svolta definitiva: spiano l'hard disk con una stabile, e tollerabile, versione di XP, ma soprattutto una bella partizione con Ubuntu, una release a prova di niubbone.
Un mondo nuovo si squaderna, sei di nuovo proprietario della tua macchina; il sistema operativo fa quel che dici tu, quando premi Canc su un file non ti chiede conferma "spostare nel cestino?? ma sei sicuro??" -- semplicemente, cancella il file; cribbio, se l'hai cancellato, sara' perche' volevi cancellarlo, no? Fine degli stress da malware, spazzature, virus e bestiacce; cosi', un giorno via l'altro, impianti Ubuntu su un'altra macchina a bottega, poi un'altra ancora, e un bel giorno ti svegli e sei linuxiano.

10 commenti:

  1. Ciao Fiorenzo, anche io ho avuto un percorso simile. Ed oggi non tornerei pù indietro. Ubuntu è una continua soddifazione.
    Saluti da un altro pinguino..

    RispondiElimina
  2. Anch'io Ubuntu, dal 2004 su tutte la macchine di casa e bottega, in aggiunta, per il solo programma di fatturazione, macchina virtuale VirtualBox con Win-Xp (nuovo con licenza).
    Questo più per la garanzia che per altro, visto che tale programma gira benissimo anche sotto Wine.

    RispondiElimina
  3. troppo difficile per me, a fatica saprei formattare un pc. da quando sono passato alla mela la mia vita è migliorata: moooolte meno bestemmie, moooolte meno incazzature, taaaanto tempo risparmiato.

    RispondiElimina
  4. io in vista della crescita della piccola arrivata, passerò tutto su varie distribuzioni linux, più sicure e meno esose... parola di persona del settore che campa grazie anche ai problemi dei software microzozz

    RispondiElimina
  5. Ho provato anche io, troppo complicato. Poi anche io passato alla mela è la mia vita e basta pop-up "Sei sicuro di voler scaricare questo file? Potrebbe arrecare danni al tuo computer" e cose così. Alla bottega invece resisto con una vecchia versione di xp e rifiuto ogni tentativo del masto di dotarmi di computer dotato di vista...

    RispondiElimina
  6. Ha ha, mi ha incuriosito questo articolo perchè sono informatico per lavoro ma mi occupo anche di vino, quindi... 1+1
    Hai ragione, seppur "addetto ai lavori" faccio fatica a sopportare il "nuovo e potente sistema operativo di ultima generazion". A livello di cose utili e pratiche di nuovo non ha proprio nulla, consuma un sacco di risorse, è solo bello da vedere.
    Ciao!

    RispondiElimina
  7. filippocintolesigiugno 19, 2008 1:24 AM

    Finalmente sei approdato a *n*x, e not surprisingly un mondo ti si e' aperto davanti.

    RispondiElimina
  8. cari ragazzi volevo rivelarvi un segreto... linux è una vera merda!!!!!!

    RispondiElimina