mercoledì, settembre 21, 2022

Correlazioni spurie ma non troppo: nebbiolo e pinot nero


Negli ultimi giorni ho fatto due assaggi ravvicinati, il solito sistema del prelievo di scaffale ("vediamo un po' com'è") per verificare se quel che ho in vendita, per così dire, mantiene le promesse. Posto che sì, modestamente, il livello qualitativo delle due etichette in questione era più che eccellente, questo raffronto mi ha fatto ripensare ad un tipo di correlazione tra i due vitigni utilizzati, nebbiolo e pinot nero, che tendo a comparare volentieri, pure se queste uve generano vini ben diversi tra loro - al punto che questa correlazione si potrebbe definire spuria, cioè infondata, ma siccome questo sentimento ce l'ho da sempre, così senza vergogna, ora ne parlo. E a che servono i blog se non per narrare i fatti propri, ancorché poco gloriosi?

1. Langhe Nebbiolo 2020 Rivella, azienda Montestefano

Nel comune di Barbaresco c'è questa specie di culto per il vigneto Montestefano, che genera nebbioli formidabili e severi. Rivella ha vigneto solo in Montestefano, quindi produce due vini, e basta: il Barbaresco, e il Langhe Nebbiolo, una specie di second vin come direbbero a Bordeaux - tuttavia questo nebbiolo è secondo a nessuno. Già dal colore: la sua trasparenza è pura accademia del nebbiolo. I profumi sono segnati da ampiezza e finezza, c'è tanta materia, dalla terra bagnata al tartufo al pepe e potrei continuare, fino al rabarbaro e alla menta ma meglio che ci dia un taglio, tutto però accennato, leggiadro, tipo un soffio leggero. La bocca ha saldezza, entra sul palato con determinazione nebbiolesca, tannini e polpa. Fa un anno di legno grande, che non lo doma manco un po': ottimo adesso, chissà che diventa tra qualche anno.
Prezzo in enoteca, 37 euro.

2 - Bourgogne Cuvée Gravel 2019, Claude e Catherine Maréchal

Borgogna, Côte d’Or, pinot nero: ho la vostra attenzione con poche parole, già lo immagino. Questo Bourgogne declinato in maniera inappuntabile nel suo terroir d'elezione conferma e supera ogni aspettativa: bello il colore nitido, profondo, al naso esibisce frutta nera, fiori. In bocca ha una morbidezza di frutto irresistibile, svelando una capacità di abbinamento spiazzante: bevuto assieme a tortilla con chili di carne e fagioli (la signora ha una cucina creativa) segna l'abbinamento più funambolico e trionfale della mia carriera recente. La speziatura e la sapidità della preparazione ha trovato nella morbidezza del frutto e nella bevibilità inarrestabile del vino un match sorprendente.
Prezzo in enoteca, 37,90 euro.

Dove sta la correlazione? Certi nebbiolo, certi pinot nero, condividono grandezza e facilità di beva. È il genere di elemento gustativo che per me rende un vino grandioso: mettere assieme la profondità gustativa di grande soddisfazione con la leggerezza, l'apparente distacco. Alcune uve riescono bene in questo: nebbiolo, pinot nero. Nelle mani del produttore giusto, e questo lo diamo per scontato.