lunedì, luglio 31, 2006

Farsi del male (con orgoglio, e pure con creativita')

Pronti per le vacanze, si? Qui siamo gia' vacanzieri, nemmeno a dirlo, agosto e' il mese della latitanza.
Comunque, il blog non va del tutto in ferie, complice la tecnologia gprs, il bluetooth, e molte altre diavolerie geek; poi, non e' che manchi la materia su cui bloggare.

Eccone una, via Manteblog. Probabilmente vi ricordate delle annose vicende relative al portale (turistico) Italia.it. Circa 40 milioni di euri che avrebbe pagato il passato governo, grazie al ministro Stanca, ex Ibm -- euri destinati a (indovina un po') Ibm, per un sito che e' tutt'ora under construction.

Ma tranqui, in mancanza del portale turistico possiamo contare su una nuova originale iniziativa governativa: Turistiprotagonisti.it. Funziona cosi': gli italiani che vanno in vacanza all'estero, una volta tornati, dovrebbero mandare un mail al neonato portalino allo scopo di dirci comemai hanno scelto una meta turistica straniera, e magnificarcene le qualita': "raccontateci le vostre vacanze all’estero per migliorare le vacanze di tutti in Italia" recita il siterello.
Insomma, riassumendo: il governo italiano finanzia un sito per dare voce ai turisti italiani che preferiscono mete straniere, affinche' questi giustifichino, motivatamente, la loro scelta; e questo, nelle intenzioni, dovra' migliorare il turismo italiano.
Nessuno nota qualche lieve contraddizione?

Comments:
Se non fosse che in Italia è meglio essere sospettosi, sarebbe invece un iniziativa da apprezzare. Pensa che bello, il cittadino che torna a casa dalle vacanze e consiglia all'amministrazione cosa fare per migliorare i nostri servizi. In fondo perché no? Si dovrebbero convincere "gli altri" a venire da noi, e "i nostri" ad andare dagli altri.
Sempreché queste email non finiscano, com'e' sospettabile, in qualche CD dimenticato in qualche cassetto. Avendo speso qualche milioncino.
 

Posta un commento





<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica (in effetti, è molto meglio, ha!) in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale, bla, bla, bla. Le immagini inserite in questo blog sono allegramente scaricate da Internet; se la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore (uffa), avvisatemi, che vedrò di toglierle (ri-uffa).

E se ancora non basta, ecco i miei Tumblr, Facebook, Flickr, Twitter, FriendFeed, LinkedIn, e la pagina Facebook dell'enoteca. (Una botta di robe social).