lunedì, luglio 03, 2006

Derive di un assaggiatore

Di ritorno dalla vacanza, un paio di giorni da amici carissimi. Giusto il tempo di verificare quanto timore incute l'avere a cena un enosnob del mio calibro. Incurante dell'effetto comico, l'amica che ci invita a cena si profonde in scuse per il vino scelto, gia' prima d'averlo aperto, in quanto certamente e pregiudizialmente inadeguato a tanto nobile palato (il mio).
Hai voglia a sdrammatizzare: ma che dici, non e' il caso, va benissmo questo prosecco frizzante: niente, quella e' convinta che, qualunque sia lo sforzo che esibisce, non e' degna di avermi al suo desco. Francamente imbarazzante, ma piu' che altro, buffo.
Mi sento in colpa: cosa ho combinato per essere cosi' deterrente? Sono cosi' trombonesco nei miei giudizi enoici? Per dimezzare la responsabilita', provo mentalmente a redistribuire la colpa sulla categoria. Dove abbiamo sbagliato? Perche' ci temono tanto?

Comments:
da quando mi sono appassionato al vino è lo stesso "dramma "che vivono i miei genitori. Non sono ancora entrato in casa che cominciano a raccontarmi che il vino è quello che è, che gli dispiace.. eccetera... eccetera. Veramente buffo :-)) soprattutto visto che di vino non ne capisco un granchè.
 
Mi sto convincendo che sia un fatto genetico, etnico, quasi ancestrale. Il nostro era un bere da contadino o al più da osteria, per togliersi la fame e dimenticare un po'.
Ceracare qualcosa di diverso evoca quarti di nobiltà che non ci (sicuramente non mi)appartengono...

Luk
 

Posta un commento





<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica (in effetti, è molto meglio, ha!) in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale, bla, bla, bla. Le immagini inserite in questo blog sono allegramente scaricate da Internet; se la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore (uffa), avvisatemi, che vedrò di toglierle (ri-uffa).

E se ancora non basta, ecco i miei Tumblr, Facebook, Flickr, Twitter, FriendFeed, LinkedIn, e la pagina Facebook dell'enoteca. (Una botta di robe social).