domenica, luglio 16, 2006

L'unico enotecaro buono

Oggi leggo sul Secolo XIX, foglio locale, la notiziola che riguarda l'enoteca Susto, nel centro storico della mia citta': il Comune (o l'Unesco, non ho letto bene) l'ha dichiarata negozio storico, o patrimonio dell'umanita', una cosa cosi'.
E' una buona notizia, siccome la vecchia Susto e' un'icona tra le bottiglierie di Genova; ed ora che e' veramente storica, finalmente ottiene il riconoscimento meritato.
Peccato che il Secolo, nel pezzullo che annuncia il prodigio, riesce a sbagliare per due volte il nome dell'enoteca: nel titolo, e nel pezzo, l'enoteca diventa Sisto.
Leggo, e mi stropiccio gli occhi: ma com'e' possibile? Pure i sassi conoscono l'enoteca Susto di Vico Casana; tutti la conoscono, tranne il giornalista che ne deve scrivere, in occasione di questo tardivo riconoscimento. Questo non sembra nemmeno piu' un premio, sembra uno sgangerato necrologio; l'unico enotecaro buono, e' un enotecaro morto.

Comments:

Posta un commento





<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica (in effetti, è molto meglio, ha!) in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale, bla, bla, bla. Le immagini inserite in questo blog sono allegramente scaricate da Internet; se la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore (uffa), avvisatemi, che vedrò di toglierle (ri-uffa).

E se ancora non basta, ecco i miei Tumblr, Facebook, Flickr, Twitter, FriendFeed, LinkedIn, e la pagina Facebook dell'enoteca. (Una botta di robe social).