lunedì, luglio 10, 2006

Pianeta Terra d.o.c.


Letture da ombrellone: Oliviero Toscani dice che per il vino andrebbe introdotta una Doc Toscana, perche' il brand conferisce forza commerciale al prodotto (la Toscana e' pure un brand, quindi). Sfortunatamente non trovo, online, alcun riferimento alla notiziola, quindi vi tocca crederci; comunque, della D.O.C. "Toscana" se ne parla da tempo, basta vedere quel che scrive, qui, Acquabuona.
Questo e' un classico caso di sdoppiamento della personalita' enoica. Da un lato tutti parlano di territorio, sottozone, cru, poi dall'altro qualcuno rileva che certe aree eterogenee ma, appunto, identificabili in quanto brand possono essere veicolo commerciale; e tanto basta.
Ma se le cose stanno cosi', pure io avrei qualche proposta.

Introduzione della D.O.C. "Roma"
Insomma, se la Toscana e' immaginificamente un marchio, vuoi mettere Roma? Tutti i vini laziali andrebbero rinominati Roma Doc; vai di lupa allattante e Colosseo in etichetta, altro che Lago Trasimeno.

Introduzione della D.O.C. "Italia"
Tantovale esagerare; con la Doc Italia applicata ad ogni vino nazionale, sfrutteremmo pure l'effetto Campioni-del-Mondo. Italia, Enotria, eccetera eccetera: roba da far venire un travaso di bile a quei parvenu dei californiani.

Introduzione della D.O.C. "Pianeta Terra"
Spero sia noto a tutti che, in luoghi come Area 51, da tempo noi si intrattiene ameni e proficui rapporti con entita' aliene; sarebbe opportuno creare una Doc Pianeta Terra, per qualificarci universalmente rispetto alla produzione di aree certamente meno vocate, tipo Zeta Reticuli.

Comments:
Ma Oliviero Toscani al massimo potrebbe chiedere l'IGT Benetton per il malbec argentino.


Luk
 
Sei "spaziale". :-)
Ciao, Fil.
 
beh visto che i cinesi hanni intenzione di andare sulla luna nei prossimi decenni... non e'il caso di ipotizzare la DOC Sistema Solare?

max
 
LOL
 

Posta un commento





<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica (in effetti, è molto meglio, ha!) in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale, bla, bla, bla. Le immagini inserite in questo blog sono allegramente scaricate da Internet; se la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore (uffa), avvisatemi, che vedrò di toglierle (ri-uffa).

E se ancora non basta, ecco i miei Tumblr, Facebook, Flickr, Twitter, FriendFeed, LinkedIn, e la pagina Facebook dell'enoteca. (Una botta di robe social).